Castagnole e Chiacchiere

Very little is missing at the arrival of Carnival, parties loved by young and old for its load of color, laughter, music, jokes, costumes and … sweets of all kinds! Every region of Italy has at least one traditional dessert linked to this period of the year. Today I offer you two typical carnival desserts: castagnole and chiacchiere. The castagnole, whose term is due to the small size and similar shape of the fruit of the chestnuts, are carnival sweets coming mainly from the Veneto, Emilia Romagna and Lazio; but there is also a strong presence in some southern locations, particularly in Campania. This whim, mostly fried and sweetened, has ancient origins, it is assumed that, in Castagnole, it was already mentioned in 1692, through the recipes of Latini, cook, among others, of the royal house of the D’Angiò, and in 1684 , with Nascia, the chef of the Casa dei Farnese. Chatter instead, a recipe born in ancient Rome and known at the time as “frictilia” because fried in pork fat. The occasion to prepare them was the Saturnalia, one of the feasts from which our modern Carnival most likely originated, when women prepared them in large quantities in view of the period of Lent. Chiacchiere were often offered to passers-by who celebrated on the streets, also because they were simple to prepare.

Manca davvero poco all’arrivo del Carnevale, feste amata da grandi e piccini per il suo carico di colore, risate, musica, scherzi, costumi e… dolci di tutti i tipi!Ogni regione d’Italia ha almeno un dolce tradizionale legato a questo periodo dell’anno. Oggi vi propongo due dolci tipici del carnevale: le castagnole e le chiacchiere.
Le castagnole, il cui termine è dovuto alla piccola dimensione e all’analoga forma del frutto dei castagni, sono dolci carnevaleschi provenienti soprattutto dal Veneto, dall’Emilia Romagna e dal Lazio; ma si rileva una forte presenza anche in alcune località meridionali, in particolare in Campania. Questo sfizio, per lo più fritto e zuccherato, ha origini antiche, si suppone che, di castagnole, si parlasse già nel 1692, attraverso le ricette del Latini, cuoco, tra gli altri, della casa reale dei D’Angiò, e nel 1684, con il Nascia, cuoco della Casa dei Farnese.Le chiacchiere invece,ricetta nata ai tempi dell’antica Roma e conosciuta all’epoca come «frictilia» perché fritte nel grasso di maiale.
L’occasione per prepararle erano i Saturnali, una delle feste da cui molto probabilmente ha avuto origine il nostro moderno Carnevale, quando le donne ne preparavano in grande quantità in vista del periodo di quaresima. Spesso e volentieri le Chiacchiere venivano offerte ai passanti che festeggiavano per le strade, anche perché erano semplici da preparare.

Ingredients for castagnole

  • 2 cup of flour ’00/200 gr di farina
  • 1 large egg/un uovo grande
  • a tablespoon of soft butter (alternatively 30 gr of sunflower oil)/40 gr di burro o 30 gr di olio di oliva
  • a teacup of granulated sugar/ 50 gr di zucchero
  • grated peel of 1 untreated lemon/buccia grattugiata di un limone
  • seeds of 1 vanilla bean (alternatively 1/2 sachet of vanillin)/1/2 bustina di vanillina
  • 1 tablespoon of Strega liqueur (alternatively Anise liqueur or whatever you prefer)/ liquore strega o limoncello
  • 1 pinch of salt/sale
  • a teaspoon of baking powder/un cucchiaino di lievito in polvere
  • 1 US quart of sunflower oil i for frying/1 lt di olio per friggere
  • granulated sugar to season the castagnole/zucchero semolato per condire le castagnole

Mix the flour with the well-sifted yeast and place in a fountain on a pastry board or a work surface. In the center, add the sugar, the egg, the lemon peel, the vanilla, the soft butter cut into small pieces, the salt and the liqueur. Knead a few seconds until all the flour is collected and obtain a homogeneous and smooth dough. Wrap the dough in plastic wrap and let it sit at room temperature for about half an hour. At the end of the indicated time, remove from the total dough, pieces of pasta weighing 10 g, rub them between the palms of your hands until you get smooth balls. When you have made all the balls, prepare for frying. Place the saucepan with half of the indicated oil on moderate heat (not too high), allow to heat for 2 – 3 minutes. When the oil starts to come, it is hot, take a small piece of dough, dip it in the oil as a test, if it rises to the surface filling with bubbles the oil is ready: it has reached the temperature of 173 ° – 175 ° ideal for this type of fried. Immediately take the ball immersed in the oil and remove the saucepan from the heat. Fry a few pieces at a time 4 -5 maximum. Turn them with a slotted spoon from time to time and monitor that cooking takes place slowly. The fried food should gradually be colored. It will take less than 2 minutes. When the Castagnole have slightly cooled, dip them in half the indicated sugar. Change the sugar after passing half the chestnuts. Sugar tends to absorb oil. Your Castagnole are ready to be served.

Mescolate la farina con il lievito ben setacciato e disponete a fontana su una spianatoia o un piano di lavoro. Al centro aggiungete lo zucchero, l’uovo, la buccia di limone, la vaniglia, il burro morbido tagliato a pezzetti, il sale e il liquore.Impastate qualche secondo fino a raccogliere tutta la farina ed ottenere un impasto omogeneo e liscio. Avvolgete l’impasto in una pellicola per alimenti e lasciate riposare a temperatura ambiente per circa mezz’ora. Al termine del tempo indicato staccate dall’impasto totale, dei pezzetti di pasta che abbiano un peso di 10 gr , strofinateli tra i palmi delle mani fino ad ottenere delle palline lisce. Quando avrete realizzato tutte le palline preparatevi alla frittura. Ponete il pentolino con metà dell’olio indicato su fuoco moderato (non troppo alto) lasciate scaldare 2 – 3 minuti. Quando l’olio inizia a venarsi è caldo, prendete un pezzetto d’impasto piccolo, immergetelo nell’olio come prova, se sale a galla riempiendosi di bollicine l’olio è pronto: ha raggiunto la temperatura di 173° – 175° ideale per questo tipo di fritto. Tirate subito fuori la pallina immersa nell’olio e allontanate il pentolino dal fuoco. Friggete pochi pezzi alla volta 4 -5 massimo. Girateli con una schiumarola di tanto in tanto e monitorate che la cottura avvenga lentamente. Il fritto deve colorarsi a poco a poco.
Basteranno meno di 2 minuti. Quando le Castagnole si saranno leggermente intiepidite tuffatele nella metà dello zucchero indicato. Cambiate lo zucchero dopo aver passato la metà delle castagnole. Lo zucchero tende ad assorbire l’olio. Le vostre Castagnole sono pronte per essere servite.

Ingredients for chiacchiere

  • 3 cups of flour/300 gr di farina 00
  • 2 medium eggs at room temperature/2 uova a temperatura
  • sale
  • a tablespoon of sugar/40 gr di zucchero
  • 2 tablespoons of butter/ 40 gr di burro fuso
  • a shot glass of grappa liqueur, sweet marsala, witch, passito white wine/un bicchierino di liquore grappa o limoncello o marsala o passito
  • 1 lemon grated peel/una buccia grattugiata di limone
  • 1/2 vanilla bean/mezzo baccello di vaniglia

Pour the sifted flour, sugar, grated lemon zest, vanilla into a large bowl or planetary mixer. Make a small hole in the center and add the melted butter in a bain-marie, the eggs, the salt and the liqueur. Knead until the dough is smooth and well mixed. Cover the dough with plastic wrap to keep it from drying and let it rest for at least 30 minutes. Raise a little dough at a time, keeping the remainder always covered with plastic wrap. Roll out with a rolling pin, until you reach a thickness of about 2 mm. With the pasta cutter wheel, make many rectangles of about 12cm by 5cm. Fry gradually in hot oil at 170 ° -176 ° C. It is important not to exceed this temperature. Turn them over quickly, they must be golden. Drain them on a tray covered with paper towels. When they are cold, sprinkle with a generous sprinkling of icing sugar and they are ready to be savored !

Versate in una capiente ciotola o nella planetaria la farina setacciata, lo zucchero, la scorza grattugiata di limone, la vaniglia. Fate una piccolo buco al centro ed unite il burro sciolto a bagnomaria,le uova, il sale ed il liquore.Impastate fino ad avere un impasto liscio e ben amalgamato. Coprite l’impasto con pellicola alimentare per non farlo seccare e fate riposare per almeno 30 minuti.relevate poco impasto per volta, tenendo il rimanente sempre coperto da pellicola alimentare. Stendete con il matterello,fino ad arrivare ad uno spessore di circa 2 mm. Con la rotella taglia pasta ricavate tanti rettangoli di circa 12cm per 5 cm. Friggete man mano in olio caldo a 170°-176°C. E’ importante non superare questa temperatura. Rigiratele velocemente, dovranno essere dorate. Scolatele su vassoio coperto da carta assorbente. Quando sono fredde, spolverate con una generosa spolverata di zucchero a velo e sono pronte per essere assaporate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *