I CALAMARI RIPIENI

Il calamaro, deve il suo nome al greco Kalamos (calamo), che da pezzetto di canna usato come penna è passato ad indicare nel medioevo il vasetto per l’inchiostro, con  allusione alla sostanza nera che questo mollusco emette quando si sente minacciato.Ha un corpo allungato con pinne laterali che raggiungono l’estremità posteriore della sacca. Possiede dieci tentacoli di cui due più lunghi . Il suo  colore roseo-trasparente presenta venature rosso scure e violette.Dal punto di vista culinario il calamaro si presta a molte preparazioni : quando è molto piccolo (calamaretto) si consuma intero e può essere fritto, lessato, in insalata e in umido. Se è di dimensioni maggiori ,  la sua miglior preparazione è ripieno. Si puliscono eliminando bocca, occhi, osso, borsa dell’inchiostro e, volendo, anche la pelle, aiutandosi nell’impresa con una bella bacinella di acqua fresca. Oggi vorrei proporvi la ricetta dei calamari ripieni.

Ingredienti per 3 persone

  • 3 calamari
  • olio q.b
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • prezzemolo tritato
  • sale
  • 2 spicchio di aglio
  • peperoncino o pepe
  • 300 gr di salsa di pomodoro
  • olive nere  1 cucchiaio di capperi
  • 2 uova
  • pecorino grattuggiato

PROCEDIMENTO

Pulite i calamari staccando i tentacoli dalle sacche, eliminando gli occhi e le interiora quindi lavateli accuratamente. Separate  i calamari  dai tentacoli e dalle alette. Tagliate a julienne le alette e  i tentacoli in  tocchetti piccolissimi. In una padella antiaderente dorate l’aglio con 4 cucchiai di olio,aggiungete i tentacoli e le alette e dopo 10 min fate sfumare un bicchiere di vino bianco. In una grossa ciotola mettete il panegrattuggiato, i tentacoli dei calamari a pezzetti con il loro condimento di cottura, le olive denocciolate tagliate grossolanamente,i capperi e qualche foglia di prezzemolo tritata finemente, un po’ di pepe (o peperoncino, se lo preferite),sale, una spolverata di pecorino e le uova sbattute.Amalgamate il tutto e cercate di ottenere un composto morbido.Procedete adesso all’imbottitura dei calamari, aiutandovi con un cucchiaio lungo , così da arrivare alla punta del calamaro.Utilizzate degli stuzzicadenti di legno per chiuderli, meglio qualcuno in più, così da non far fuoriuscire la farcia durante la cottura(li eliminerete a fine cottura).Adagiate i calamari in un tegame con dell’olio extravergine e fate cuocere per circa 30 minuti, avendo cura di girare ogni tanto su tutti i lati ,a questo punto  incorporate la salsa di pomodoro e salate al punto giusto. Io ho aggiunto anche un cucchiaio di piselli Findus, ma se non volete potete anche non metterli. Buon Appettito!

                               STUFFED SQUID                                                  The squid, owes its name to the Greek Kalamos (calamus), which from a piece of reed used as a pen passed to indicate in the Middle Ages the ink pot, with an allusion to the black substance that this mollusc emits when it feels threatened. an elongated body with lateral fins that reach the rear end of the bag. It has ten tentacles, two of which are longer. Its rosy-transparent color has dark red and violet veins.From the culinary point of view the squid lends itself to many preparations: when it is very small (calamaretto) it is eaten whole and can be fried, boiled, in a salad and stew. If it is larger, its best preparation is full. They are cleaned by removing the mouth, eyes, bone, ink bag and, if desired, also the skin, helping themselves with a beautiful basin of fresh water. Today I would like to offer you the recipe for stuffed squid.

INGREDIENTS FOR 3 PEOPLES

  • 3 SQUIDS
  • OIL Q.B
  • SALT
  • PEPPER
  • 1 GLASS OF WHITE WINE
  • 1 TABLESPOON  OF  BREADCRUMBS
  • 2 CLOVES OF GARLIC
  • 300GR OF TOMATO SAUCE
  • 2 EGGS
  • 10 BLACK OLIVES
  • 1 TABLESPOON OF CAPERS
  • CHEES

                                                      METHOD                                                           Clean the calamari by removing the tentacles from the bags, removing the eyes and the entrails and then wash them carefully. Separate the calamari from the tentacles and the fins. Cut the fins and tentacles into tiny juliennas. In a non-stick frying pan, brown the garlic with 4 tablespoons of oil, add the tentacles and the fins and after 10 minutes, pour a glass of white wine.In a large bowl put the panegrattugi, the tentacles of the squid into small pieces with their cooking seasoning, the pitted olives chopped, the capers and a few finely chopped parsley leaves, a little pepper (or chilli, if you prefer) , salt, a sprinkling of pecorino cheese and beaten eggs. Mix everything and try to obtain a soft mixture.Proceded now to the squid stuffing, helping with a long spoon, so as to get to the tip of the squid.Use some wooden toothpicks to close them, better someone more, so as not to let the stuffing out during cooking (you will eliminate them at the end cooking). Put the squid in a pan with extra virgin olive oil and cook for about 30 minutes, taking care to turn every now and then on all sides, at this point incorporate the tomato sauce and salt to the right point. I also added a spoonful of peas Findus, but if you do not want you can not even put them. Have a good meal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *