Il nocino storia e leggende

VID_54871112_153159_065

Il nocino è un liquore preparato con le noci acerbe, raccolte secondo la tradizione la notte tra il 23 giugno e il 24 giugno, ovvero durante la festa di San Giovanni, festa che cade nel solstizio d’estate, periodo legato ad una serie di riti magici, credenze ed usi popolari e rituali propiziatorie.E’ un giorno legato alla figura femminile, al matrimonio e alla fertilità; dalla credenza dello sposalizio del sole con la luna, alle tradizioni che vogliono che le fanciulle raccolgano erbe con cui preparare filtri d’amore.Nasce così la tradizione del Nocino,alla raccolta dei frutti ancora acerbi, segue la macerazione in alcol. La tradizione del nocino è molto antica e risale secondo leggende popolari ai legionari romani che avrebbero importato la ricetta dalla Gallia, altri invece affermano che sia stato un soldato di ventura alle dipendenze dei Signori di Noceto. Questi avrebbe consigliato il prezioso infuso ad un cavaliere desideroso di conquistare il cuore di una nobile dama, il quale bramoso di desiderio, provò l’infuso ed ebbe successo, dal quel momento in poi durante i festeggiamenti di riti particolari,veniva offerto un liquido scuro che rendeva le persone euforiche, ma constatarono che l’infuso nero era un toccasana per ogni male specie per i problemi dell’apparato intestinale.La raccolta delle noci viene effettuata quando non è ancora completa e il mallo, cioè il rivestimento esterno del frutto, risulta verde e tenero. Le noci con il mallo, vengono tagliate e messe in infusione in un contenitore a chiusura ermetica con alcool puro a 96 gradi,nell’infuso potete aggiungere cannella, chiodi di garofano, macis,limone e altro ancora, io preferisco seguire la ricetta semplice e originale con solo alcol e zucchero.L’infuso viene maturato al sole o in un luogo caldo e asciutto per 40-60 giorni. Successivamente viene filtrato una o più volte per chiarificarlo e viene portato alla gradazione desiderata mediante l’aggiunta di acqua pura. Al consumo il nocino o anche detto il nucillo, si presenta di colore scuro, di profumo intenso con sentore di noce e di sapore aromatico gradevole e persistente tipica della noce immatura. Adesso non resta che attendere il Natale per il primo assaggio della “pozione magica, sono sicura che sarà squisita.

Per ogni litro di alcool puro, ci vogliono 24 noci acerbe, tagliate le noci in 4 parti, mettetele in un contenitore a chiusura ermetica, coprite con l’alcool e chiudete. Sistemate il barattolo al sole e lasciatelo lì per 60 giorni fino al giorno di San Michele, il 30 settembre. Trascorso questo tempo filtrate tutto. Aggiungete lo zucchero (300 gr) all’infuso, richiudete il contenitore e lasciatelo riposare per altri due mesi. Trascorso il tempo necessario, riempite le bottiglie e mettetele in cantina a riposare. Attendete ancora un pò prima di poter assaggiare il vostro nocino.

Nocino is a liqueur prepared with unripe walnuts, traditionally harvested the night between June 23 and June 24, or during the feast of Saint John, which falls on the summer solstice, a period linked to a series of magical rites , popular beliefs and uses and propitiatory rituals. It is a day tied to the female figure, marriage and fertility; from the belief of the marriage of the sun to the moon, to the traditions that want the girls to collect herbs with which to make love filters. Thus the tradition of the Nocino is born, the picking of unripe fruits is followed by maceration in alcohol. The tradition of nocino is very ancient and dates back according to popular legends to the Roman legionaries who would have imported the recipe from Gaul, while others claim that it was a soldier of fortune employed by the Lords of Noceto. He would have advised the precious infusion to a knight eager to win the heart of a noble lady, who longed for desire, tried the infusion and was successful, from that moment on, during the celebrations of particular rites, a dark liquid was offered which made people euphoric, but found that the black infusion was a panacea for every disease, especially for the problems of the intestinal apparatus. The harvest of the walnuts is carried out when it is not yet complete and the husk, that is the external covering of the fruit, it is green and tender. The walnuts with the husk are cut and infused in an airtight container with pure alcohol at 96 degrees, in the infusion you can add cinnamon, cloves, mace, lemon and more, I prefer to follow the simple recipe and original with only alcohol and sugar.The infusion is aged in the sun or in a warm and dry place for 40-60 days. Subsequently it is filtered one or more times to clear it and is brought to the desired gradation by adding pure water. On consumption, the nocino or also called the nucillo, is dark in color, with an intense aroma with a hint of walnut and a pleasant and persistent aromatic flavor typical of immature walnuts. Now all that remains is to wait for Christmas for the first taste of the “magic potion, I’m sure it will be delicious.

Method: For every liter of pure alcohol, 24 unripe nuts are needed, cut the nuts into 4 parts, put them in an airtight container, cover with alcohol and close. Place the jar in the sun and leave it there for 60 days until St. Michael’s Day, September 30th. After this time, filter everything. Add the sugar (300 gr) to the infusion, close the container and let it rest for another two months. After the necessary time, fill the bottles and put them in the cellar to rest. Wait a little longer before you can taste your nocino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *