La pastiera

Dolce tipico delle festività Pasquali è la “pastiera”. Ci sono due storie che raccontano le origini di questo dolce molto gustoso,con la prima storia dobbiamo fare un salto nel tempo fino all’epoca greca,quando secondo la leggenda la sirena Partenope aveva scelto il golfo di Napoli come sua dimora. Per ringraziare la sirena che deliziava la popolazione con la sua voce melodiosa, le persone che abitavano in quel luogo, le portavano sette doni per celebrare un misterioso culto.Questi doni erano: la farina, simbolo dei ricchezza, la ricotta simbolo di abbondanza,le uova che richiamaqno la fertilità, il grano cotto nel latte che simboleggia la fusione di regno animale e vegetale, i fiori d’ arancio rapprersentano il profumo della terra campana, le spezie omaggio di tutti i popoli e lo zucchero per celebrare il cano dolce della sirena.Partenope gradì i dono, li mescolò e creò questo docle unico. L’altra storia ci riporta con i piedi per terra e racconta che nel XVI sec,in un convento forse quello di San Gregorio Armeno,un’ignota suora volle preparare un dolce in grado di associare le uova, la ricotta e il grano con le spezie provenienti dall’Asia e il profumo dei fiori d’arancio del giardino conventuale.Quel che è certo è che le suore preparavano le pastiere come dono per le famiglie aristocratiche della città. Dalla porta del convento fuoriusciva un profumo di millefiori che si insinuava nei vicoli della città e spandendosi nei bassi, dava consolazione alla povera gente. Si dice che perfino l’ombrosa regina Maria Teresa D’Austria, “la regina che non ride mai”,consorte del Re Ferdinando II di Borbone,sorrise nell’assaggiare la beneamata pastiera. :” Per far sorridere mia moglie ci voleva la pastiera,ora dovrò aspettare la prossima Pasqua per vederla sorridere di nuovo” commentò il Re.

Ingredienti per la pasta frolla:

  • 300 gr di farina
  • 120 gr di burro
  • 150 gr di zucchero
  • 1 uovo intero
  • 1 tuorlo d’uovo
  • una buccia di limone grattugiata
  • un pizzico di sale

Per preparare la pasta frolla,lavorate lo zucchero con il burro con una forchetta, aggiungete le uova e il resto degli ingredienti,lavorate con le mano o con un robot da cucina fino ad ottenere un impasto omogeneo,formate una palla, ricopritela con un foglio di carta trasparente e fate riposare per 3/4 ore nel frigorifero.

Ingredienti per la crema

  • 500 gr di grano cotto
  • 600 gr di ricotta
  • 300 ml di latte
  • 350 gr di zucchero
  • 4 uova intere
  • 2 tuorli
  • 1 buccia di un limone
  • 1 buccia di arancia
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 baccello di vaniglia
  • 20 gr di millefiori

Procedimento : Il giorno prima la preparazione della pastiera, preparate la marinatura di ricotta e zucchero, che secondo la ricetta tradizionale deve marinare per 12 ore.Mescolate con delicatezza la ricotta e lo zucchero fino ad ottenere una crema liscia e senza grumi,ricoprite con una pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo. Anche la pasta frolla, preferibilmente preparatela la sera precedente.In un pentolino versate il grano con il latte, aggiungete la buccia di un limone e la buccia di un’arancia,cuocete per 30 minuti.Spegnete e lasciate raffreddare.Aggiungete le uova uno alla volta alla crema di ricotta e zucchero,aggiungete il grano cotto nel latte,eliminando le bucce degli agrumi,aggiungete la cannella,i millefiori e la vaniglia, mescolate il tutto e passate alla composizione della pastiera.Ungete con il burro uno stampo da 26 cm e ricopritelo con la pasta frolla,stendete l’impasto in modo da aderire su tutta la superficie.Eliminate la pasta in eccesso e trasferite la crema ottenuta e livellatela.Realizzate in una rotella delle losanghe abbastanza lunghe, posizionatele sulla pastiera in modo da ottenere dei rombi,cuocete in forno ventilato a 180° per 80 minuti e altri 20 minuti nella parte bassa del forno.Prima di servirla potete ricoprirla con lo zucchero a velo.

The typical Easter cake : pastiera

Easter typical dessert is the “pastiera”. There are two stories that tell the origins of this very tasty dessert, with the first story we have to take a leap back to the Greek era, when, according to legend, the siren Partenope had chosen the Gulf of Naples as his home. To thank the siren who delighted the population with her melodious voice, the people who lived in that place, brought her seven gifts to celebrate a mysterious cult. These gifts were: flour, symbol of wealth, ricotta, symbol of abundance, eggs that recall fertility, wheat cooked in milk that symbolizes the fusion of animal and plant kingdoms, orange flowers represent the scent of the Campania region, the homage of all the peoples and sugar to celebrate the sweet siren canoe .Partenope liked the gifts, mixed them and created this unique docle. The other story brings us back down to earth and says that in the 16th century, in a convent perhaps that of San Gregorio Armeno, an unknown nun wanted to prepare a dessert capable of combining eggs, ricotta and wheat with spices from Asia and the scent of orange blossoms in the convent garden. What is certain is that the nuns prepared their meals as a gift for the aristocratic families of the city. From the door of the convent a perfume of millefiori emerged that crept into the alleys of the city and spreading in the low, gave comfort to the poor people. It is said that even the shady Queen Maria Teresa of Austria, “the queen who never laughs”, consort of King Ferdinand II of Bourbon, smiled tasting the beloved pastiera. : “To make my wife smile we needed the pastiera, now I’ll have to wait for the next Easter to see her smile again” the King commented.

Ingredients for shortcrust pastry:

  • 10oz of flour
  • 4oz of butter
  • 5oz of sugar
  • 1 whole egg
  • 1 egg yolk
  • a grated lemon peel
  • a pinch of salt

Method :Per preparare la pasta frolla,lavorate lo zucchero con il burro con una forchetta, aggiungete le uova e il resto degli ingredienti,lavorate con le mano o con un robot da cucina fino ad ottenere un impasto omogeneo,formate una palla, ricopritela con un foglio di carta trasparente e fate riposare per 3/4 ore nel frigorifero.

Ingredients for the cream

  • 1lb of cooked wheat
  • 1lb 8oz of ricotta
  • 2 cup of milk
  • 12oz of sugar
  • 4 whole eggs
  • 2 egg yolks
  • 1 peel of a lemon
  • 1 orange peel
  • 1 pinch of cinnamon
  • 1 vanilla pod
  • 1oz of millefiori

Method : The day before the preparation of the pastiera, prepare the marinating of ricotta and sugar, which according to the traditional recipe must marinate for 12 hours. Gently mix the ricotta and the sugar until obtaining a smooth cream without lumps, covered with a transparent film and let it rest in the fridge. Even the short pastry, preferably prepare it the previous evening. In a small saucepan, pour the grain with the milk, add the peel of a lemon and the peel of an orange, cook for 30 minutes. Turn off and let cool. Add the eggs to the add the ricotta and sugar cream, add the wheat cooked in the milk, removing the citrus fruit skins, add the cinnamon, the millefiori and the vanilla, mix together and move on to the pastiera composition. Grease a 26 cm mold with the butter and cover it with the shortcrust pastry, spread the dough so that it adheres to the entire surface. Remove the excess dough and transfer the obtained cream and level it. Make a fairly long lozenge-shaped wheel, place it on the pastiera so as to obtain the diamonds, bake in a ventilated oven at 180 ° for 80 minutes and another 20 minutes in the lower part of the oven. Before serving, you can cover it with icing sugar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *