Pulpo a la Gallega (pulpo à Feira)

Il polpo alla Gallega è un piatto galiziano.Si chiama in realtà “Pulpo à Feira”,perchè allude alle fiere e alle sagre della regione,in occasione delle quali si cucinava.Oggi il pulpo a la Gallega si prepara tutto l’anno e potete trovarlo in qualsiasi ristorante locale.In occasione di fiere e sagre,i polpi venivano cucinati da donne (le pulpeiras),in pentoloni di rame e una volta cotti venivano tirati su con delle pinze di ferro e lasciati poi intiepidire.La tradizione vuole che venga mangiato senza forchetta ma con l’aiuto di uno stuzzicadenti.Per i Gallegos,il cibo è un pretesto per stare insieme,un atto di convivialità,un modo per donare qualcosa di se stessi. Bene,detto ciò non vi resta che fare un salto in Galizia per provare questo piatto delizioso.La ricetta è molto semplice ma bisogna avere alcuni accorgimenti affinchè il polpo non risulti gommoso.Potete congelarlo 48 ore prima di cuocerlo oppure potete immergerlo gradualmente nell’acqua bollente in maniera tale che la pelle resti attaccata.

Ingredienti :

  • 1 polpo grande da 1kg
  • 5 patate di media grandezza
  • 1 cipolla
  • 2 foglie di alloro
  • sale grosso
  • paprika dolce e piccante
  • olio

Procedimento : Mettete a bollire abbondante acqua con la cipolla e le foglie di alloro.Quando bolle immergete il polpo per ben tre volte nell’acqua bollente.Per fare questa operazione,dovete tenerlo su con un dito dalla parte della testa,come se fosse un uncino e gradualmente lo farete immergere.Dopo averlo fatto immergere per ben 3 volte,lasciate cuocere il polpo per ben 40/60 minuti.Quando il polpo sarà cotto lasciatelo intiepidire in un piatto.Nel frattempo tagliate le patate a rondelle e cuocetele nella stessa acqua di cottura del polpo per 15 minuti.Tagliate il polpo ormai tiepido a rondelle con le forbici-Adagiate le patate in un piatto da portata,aggiungete un pugno di sale grosso,paprika dolce,paprika piccante e olio extra vergine di oliva.Servite caldo con degli stuzzicadenti per mangiarlo senza forchette e con una fettina di pane rustico per fare la scarpetta finale.Buon Appetito!

Octopus in Gallega

The Gallega octopus is a Galician dish. It is actually called “Pulpo à Feira”, because it alludes to fairs and festivals in the region, where it was cooked. Today the pulpo a la Gallega is prepared all year round and you can find it in any local restaurant. On the occasion of fairs and festivals, the octopuses were cooked by women (the pulpeiras), in copper pots and once cooked they were pulled up with iron tongs and then left to cool. The tradition wants it to be eaten without a fork but with the help of a toothpick. For the Gallegos, food is a pretext to be together, an act of conviviality, a way to give something of oneself. Well, having said that, all you have to do is take a trip to Galicia to try this delicious dish. The recipe is very simple but you need to have some tricks so that the octopus is not gummy. You can freeze it 48 hours before cooking it or you can gradually dip it in water. boiling so that the skin remains attached.

  • 1 large octopus of 1kg
  • 5 medium-sized potatoes
  • 1 onion
  • 2 bay leaves
  • coarse salt
  • sweet and spicy paprika
  • oil

Method : Boil plenty of water with the onion and bay leaves. When boiling, immerse the octopus three times in the boiling water. To do this, you must hold it up with a finger on the side of the head, as if it were a hook and gradually you will immerse it. After having made it soak 3 times, let the octopus cook for 40/60 minutes. When the octopus is cooked let it cool in a dish. Meanwhile cut the potatoes into slices and cook them in the same cooking water of the octopus for 15 minutes. Cut the warm octopus into round slices with the scissors – Place the potatoes in a serving dish, add a handful of coarse salt, sweet paprika, spicy paprika and extra virgin olive oil. Serve hot with toothpicks to eat it without forks and with a slice of rustic bread to make the final shoe. Enjoyyour meal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *